| HOME
 

15/07/2017 - FESTIVAL NEL FESTIVAL
h 16.30 | Hotel Miramare
CIVITANOVA DANZA FOCUS
h 19 | Lido Cluana
HAPPYDANCEHOUR!
Teatro Cecchetti - ore 20.30
CANTIERE APERTO PER DUO GOLDBERG
Anteprima italiana

La presentazione del Cantiere aperto per Duo Goldberg offre al pubblico la condivisione di una fase dei "lavori in corso". Il progetto coreografico definitivo vedrà la luce a novembre 2017. Mi sono decisa a compiere il passo. Affronto la musica di Johan Sebastian Bach. Forme perfette entro cui scorre il puro flusso della vita e la trascende. Affonda nell’umano e rivela l’oltre, la perfezione che si cela nell’attenta cura del piccolo: dettaglio su dettaglio, la trama di suoni ordita con rigore assoluto dentro alla regola esplorata fino ai suoi confini estremi, penetra nei luoghi più remoti dell’essere e svela le sua essenza. Divina. Eccoci qua, le Variazioni Goldberg e la mia danza. Faccia a faccia.

 


15/07/2017 - FESTIVAL NEL FESTIVAL
Teatro Rossini - ore 21.30
BOLERO / TRIP-TIC
prima assoluta

Un trittico coreografico che ruota attorno al numero tre: tre le autrici coinvolte e tre i temi per le ricerche nate da tre brani dei primi anni del XX secolo, composizioni ormai entrate nel repertorio, ma un tempo parte di un modo rivoluzionario di fare danza. Uno spettacolo in tre atti, con coreografie differenti legate a un tema, quello di musiche che rimandano allo straordinario periodo d’innovazione e fermento artistico che accompagnò l’ascesa dei Balletti Russi in Europa. Restano tuttavia nell’ombra, le figure femminili che contribuirono in quegli stessi anni allo sviluppo della danza europea: è il caso, ad esempio, di Ida Rubinstein, danzatrice e mecenate, che nel 1928 (dopo aver lasciato i Balletti Russi) commissionò a Maurice Ravel il celebre Bolero, per un balletto che lei stessa coreografò e interpretò.

 


15/07/2017 - FESTIVAL NEL FESTIVAL
Teatro Annibal Caro - ore 23.15
DE RERUM NATURA
prima assoluta

Con sorprendente attenzione per la spiegazione dei fenomeni, il poeta e filosofo Lucrezio nell'opera De rerum natura descrive "la natura delle cose". Il poema latino, sorta di enciclopedia che illumina la “materia oscura”, svela con delicata poesia e contenuti anticipatori della scienza moderna la realtà del cosmo e l'uomo. Un'opera dedicata all'unione e alla disunione degli atomi, alla vastità dello spazio, allo sviluppo temporale, alla nascita, al declino, all'intelletto e all'anima dell’uomo; da cui traspare uno sguardo vibrante e vivido sull'intreccio dei fenomeni naturali per raccontare l'infinita mutazione del mondo e la ciclica rigenerazione. Questa immagine di eterno movimento alimenta nella creazione coreografica il desiderio di muoversi di sei corpi, legati da un pensiero sotterraneo che scorre sanguigno sotto la superficie della pelle.

 


23/07/2017 - LA NOTTE DELLA STELLA
Teatro Rossini - ore 21.30
OMAGGIO A MARIA CALLAS ELEONORA ABBAGNATO

Eleonora Abbagnato étoile dell’Opéra di Parigi nonché direttrice del Corpo di Ballo dell’Opera di Roma, fa ritorno a Civitanova Danza, affiancata da due affermate étoile dell’Opéra di Parigi, Audric Bézard e Benjamin Pech, nonché da un cast di sedici ballerini italiani tra cui Federica Maine e Claudio Cocino, primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma.

 


29/07/2017 - CIVITANOVA DANZA IN FAMIGLIA!
Teatro Annibal Caro - ore 20.30
7 X RIEN

Viaggio nel cuore delle mie piraterie emozionali, corporali, umane… Nasco pirata, sarò dunque capitano di questo corpo-imbarcazione che naviga sulle onde agitate della vita. La mia anima lotta, il mio ventre urla, le mie gambe tremano, gli occhi sono stravolti... voglio riconoscere tutti questi tormenti... Sapere, forse, è già un po’ dominare. Sarò curioso di queste terre sconosciute: relazionandomi con esse ne conoscerò il sapore e il veleno.

 


04/08/2017 - LA NOTTE DELLA STELLA
Teatro Rossini - ore 21.30
MORPHED
Prima ed esclusiva italiana

In Morphed, un gruppo di otto ballerini, che traboccano forza ed energia mascolina, si immergono in temi vari, come il cambiamento e la sensualità. La coreografia di Tero Saarinen spazia dall’aggressività brutale alla leggerezza e al minimalismo, proprio come le musiche del compositore Esa-Pekka Salonen. Le scene e le luci sono curate da Mikki Kunttu, premiato con un Bessie award e storico collaboratore del coreografo, i costumi sono firmati da Teemu Muurimäki. Il movimento per me è un’ispirazione continua. Mi affascina la ricerca di profondità sempre più grandi, raggiunte tramite un’immersione nelle nostre forze primitive per scoprire una forma di coreografia vibrante, stratificata, espressiva. leggi tutto